L’Aquila, tre anni dopo