Generazione di perplessi a Torino